lunedì 3 maggio 2010

Chi va con lo Zoppo... ascolta 'Million Dollar wound', il nuovo ep dei TILT

Ascoltando questo disco mi sono venuti in mente i filmetti italiani anni '60 con i caratteristi tipo Tiberio Murgia, Carlo Pisacane e Luigi Pavese: produzioni economiche con attori di seconda linea che hanno sempre fatto da spalla ai grandi protagonisti. Eppure si trattava di fior di professionisti... Il progetto Tilt non è molto diverso. Andate a riprendere i dischi di Fish, Simple Minds, Stiltskin e tanti altri tra anni '80 e '90: i nomi Robin Boult, Dave Stewart, Steve Vantsis, Irvin Duguis spuntano fuori con facilità.

Il rock dei Tilt è immediato, dinamico, robusto e radiofonicamente concreto, senza tanti fronzoli: "No superman" è un felice esempio di questa formula, per nulla originale ma attraente, ai confini dell'hard rock e del tecno-pop alla Rush anni '80, con un sound fragoroso e diretto. Altro momento riuscito è "Adore", una pop-song in crescendo molto gradevole, inesorabilmente floydiana. Peccato che il convincente brano d'apertura, scelto anche come singolo, lasci una traccia che gli altri pezzi non seguono, per debolezza ("Gravity") o per convenzionalità ("Answers").

Un EP interessante ma ancora acerbo per un gruppo di comprimari, seppur di classe.

http://www.milliondollarwound.co.uk

(Recensione apparsa su: http://www.movimentiprog.net/modules.php?op=modload&name=Recensioni&file=view&id=3181)

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...