giovedì 24 giugno 2010

Chi va con lo Zoppo... ascolta 'Colster', il nuovo cd dei Colster

Quando viaggi, esperienze, scoperte, sensazioni e ricordi diventano musica. E' quanto cercano di fare i Colster, nuovo duo piemontese composto dal chitarrista e tastierista Livio Cravero e dal batterista Francesco Previotto, prodotto dalla Maracash. Non è un caso che l'etichetta di Massimo Orlandini abbia qualche anno fa dato spazio ad una proposta simile, quella del duo Alphaterra: se però questi ultimi spaziavano in un'indistinta area fusion/new age, i Colster propongono un altro tipo di viaggio.

"Colster" è l'ideale colonna sonora di un "romanzo di formazione": tutto ciò che stimola l'immaginazione del duo diventa musica, supportato dalle immagini del libretto. La tavolozza sonora dei Colster è variabile e cangiante: se "Searching absolution" parte in quarta ricordando le spigolose e serrate esplorazioni dei King Crimson, "Island Asylum" recupera sapori genesisiani e svolta in rock blues; "Everyday life" è un art rock di marca floydiana dominato dal guitar-work di Cravero, "Melancholy" un buon compromesso tra psichedelia e rock maturo.

In generale la proposta strumentale del duo è abbastanza semplice, ma l'assenza di complessità non è sinonimo di banalità: l'esposizione di temi e riff è valida, così lo sviluppo con assoli mai troppo invadenti e un clima espressivo efficace. E' anche vero che una formula come questa ha bisogno di varianti continue e di trovate imprevedibili: è il caso di "The first wail", che abbina un'andatura profondamente floydiana ad atmosfere misteriose con sprazzi rock-jazz.

Un buon album d'esordio, convinto e convincente, per un progetto che ha davvero qualcosa da dire, pur meritando i dovuti ritocchi e perfezionamenti.

http://www.myspace.com/colstermusic

(Recensione apparsa su: http://www.movimentiprog.net/modules.php?op=modload&name=Recensioni&file=view&id=3212)

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...