lunedì 12 luglio 2010

Chi va con lo Zoppo... ascolta 'Rausch', il nuovo cd di Doug Rausch

Solo soletto, il giovanissimo Doug Rausch ha realizzato un ambizioso lavoro di debutto, con un obiettivo in mente. Imitare, se possibile, i suoi idoli Shadow Gallery: lo ha fatto non solo ispirandosi a loro, ma anche ospitando alle chitarre Gary Werkhamp e alla batteria Joe Nevolo. A questo ha aggiunto una sua personale lettura della musica, dell'arte, dell'uomo: una visione spirituale e olistica che senza dubbio lo ha aiutato nella ricerca dell'ispirazione.

L'atmosfera dell'album è varia: tra Queen, Pink Floyd, Beach Boys, Procol Harum, U2 e Yes, Doug spazia senza limiti tra vari generi e influenze, assimilando il meglio del sound storico americano e confezionando un'opera art-rock ariosa, con richiami classicheggianti e robuste ritmiche rock. Se Matthew Parmenter si proponeva con un novello Peter Hammill, Rausch è un ipotetico Elton John progressive: "Bipolar" e "Minimalism" ne sono un ottimo esempio. "It happens" e "Survival instincts" offrono un rock sinfonico ben sostenuto e articolato, "B.P.M.S. una ballata West Coast dal piglio teatrale, "The pros & cons of linear" potrebbe far spuntare all'improvviso un Gary Brooker...

"Rausch" è un buon disco, nonostante i limiti che solitamente pesano sui debuttanti e sulle opere prime: la voglia di dire tutto, spesso troppo, e di conseguenza l'assenza di un freno, di uno sguardo esterno che diriga e, se necessario, censuri. Ecco perchè brani pur validi come "No fair" pagano lo scotto di essere cantati in modo un po' incerto (nonostante Doug possieda una buona voce e un efficace spirito da interprete), ma anche di essere ancora impersonali. Tuttavia alcune scelte - ad es. "Ode to pain", un brano quasi soul, completamente acustico - pagano in termini di fruibilità generale del lavoro.

Benchè imperfetto e migliorabile, "Rausch" mette subito in evidenza le doti e la sensibilità del suo artefice. Una bella scoperta.

http://www.dougrausch.com

(Recensione apparsa su: http://www.movimentiprog.net/modules.php?op=modload&name=Recensioni&file=view&id=3228

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...