mercoledì 4 agosto 2010

Chi va con lo Zoppo... ascolta 'Higher Ground', il nuovo cd di Nilla Nielsen

Un titolo come "Higher Ground" richiama inevitabilmente Stevie Wonder, un nome come Nilla Nielsen i connazionali Isildurs Bane, con i quali ha collaborato. In realtà, il nuovo album della bionda songwriter ha ben poco in comune con il soul/funk d'oltreoceano e con l'art-rock nordeuropeo: Nilla è una cantautrice all'americana, con un buon senso del gruppo quando si esibisce dal vivo, ma in studio attenta a tutte le possibilità sperimentali che la solitudine esecutiva riserva.

"Higher ground" è il quarto lavoro della svedese e conferma l'ispirazione dei precedenti. Non solo: una scrittura ampia che guarda alle intense ballate acustiche alla Tracy Chapman ("Head over heels", "Man from the north") ma anche al pop-rock elettronico che appartenne ai territori gabrieliani ("Salt" e "Guard down"), fino all'indie folk di "Good feeling". Il riferimento di Nilla va alla West Coast nella title-track, rivisitata in numerose sfaccettature, fino al trionfo corale di "The UFO Song": sono brani che spaziano nell'universo del miglior cantautorato femminile, da Joni Mitchell a Tori Amos passando per Joan Osborne e Sarah McLachlan (difatti Nilla non stonerebbe al Lilith Fair...).

Un bel disco: intimista, speranzoso, ben suonato e accattivante.

http://www.nillanielsen.com

(Recensione apparsa su: http://www.movimentiprog.net/modules.php?op=modload&name=Recensioni&file=view&id=3241)

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...