venerdì 10 settembre 2010

Chi va con lo Zoppo... ascolta 'Blues For Lazarus', il nuovo cd di Michael Gill

Il disco solista di un keyboard-wizard per la Prog rock Records potrebbe essere qualcosa di moolto preoccupante... un ipotetico mix di Wakeman e Rudess per un'ora di alta autoreferenzialità virtuosistica? Fortunatamente no, Michael Gill guarda altrove, innanzitutto agli ospiti: l'autore infatti ha allestito un parterre di lusso con gente come Dave Weckl, Dave Koz e Gary Meek, per ottenere meglio l'idea sonora che aveva in mente. In secondo luogo osserva aree solitamente lontane dal progressive come concepito dalla sua etichetta: il soul, il jazz, il blues e il pop.

Il risultato è un gradevole album di debutto, con la presenza di una cover di spicco: la gabrieliana "Here comes the flood" che diventa una jazz ballad (con l'ottima Callie Lou Thomas al canto) e risente molto del clima pop-fusion generale, ben stemperato in una tavolozza art-rock. L'ottima opener "Merlin's Journey (dal taglio fantascientifico come la maggior parte dei pezzi, ispirati a Robert A. Heinlein) fa da "manifesto": un rock di ampia dimensione, che guarda al patrimonio prog come alla canzone e al rock più maturo.

La title-track e "Colorado" possono richiamare tanto Billy Joel quanto gli Steely Dan, "Arrakis" invece è un felice esempio di suadente rock-jazz (probabilmente il brano più fresco del disco), più spostato sul versante funk - tipicamente a stelle e strisce - nel caso di "Tomorrow's world". Gill mette in evidenza la sua sensibilità nel brano per piano solo "Memory of a dream" e nel soft rock di "Stay the night" e "Rain", con un tocco romantico che potrà piacere ai prog-lovers.

In conclusione? Un disco con brani riusciti, ma solo se presi come singoli: nel complesso, è un lavoro privo di un'identità forte, nonostante la bravura e la professionalità del protagonista e dei suoi sodali.

http://www.progrockrecords.com

(Recensione apparsa su: http://www.movimentiprog.net/modules.php?op=modload&name=Recensioni&file=view&id=3268)

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...