sabato 14 gennaio 2012

Chi va con lo Zoppo... legge MOLECOLE n. 17: 'Deliverin' the sacred feathered one' degli Sprained Cookies

Basta andare laggiù, al riffone che apre e dirige Home home, per capire che i ragazzi ci sanno fare. Certo c'è molto Led Zeppelin III da quelle parti, c'è un'ondivaga vena barrettiana, sguardi neanche tanto celati alla West Coast e alla Swingin' London, in un dischetto di cinque pezzi che riesce a presentare al meglio la proposta del duo.

Gli Sprained Cookies prendono il lato bisex dai White Stripes ma non è a loro che si ispirano: propongono infatti uno psycho-folk elettrizzante ma mai eccessivo, inzuppato di Sixties, con una personalità ancora in corso di formazione ma due punti fermi degni di nota. La voce incisiva di Cecilia Frusciante (non è da tutti maneggiare l'inglese con sicurezza) e il guitar-playing effervescente di Corrado Maria De Sanctis meritano attenzione: More e A vicious way sono il miglior biglietto da visita di questo intrigante duo.

http://www.myspace.com/sprainedcookies

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...