martedì 31 gennaio 2012

Chi va con lo Zoppo... legge MOLECOLE n. 20: 'Just the two of us' di Vic Vergeat

Potrebbe essere considerato il suo White Album, ma se nel doppio bianco i Beatles sfoderavano un'estrema ampiezza di influenze e stili, in Just the two of us Vic Vergeat usa i due dischi per esprimere tutta la sua visione artistica in chiave acustica.

Lo ricordiamo negli anni '70 a capo degli hard rockers Toad, nel corso degli anni ha costruito una lusinghiera carriera di autore, session man e virtuoso, in questo doppio album pubblicato da Aereostella Vergeat lavora per sottrazione, giocando con un fil rouge profondamente blues, che quasi contrasta con la scelta grafica (realizzata dallo stesso artista) tra floreale e Blake.

Il secondo disco è un tuffo tra gli amori di Vic, passando per un toccante medley beatlesiano, Everybody's talkin' e Orpheo Negro, ma è nel primo che troviamo la massima espressione del suo mondo musicale. 23 inediti che spaziano tra folk-blues, ballate al chiaro di luna e incisivo fingerpicking, con One man band, When you're gone, Out here on my own, I wanna swing e My babe - al piano! - tra gli highlights.

http://www.vicvergeat.com

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...