lunedì 27 febbraio 2012

Chi va con lo Zoppo... ascolta 'Architect of flesh-density', il nuovo album di The Nerve Institute

Quanto sono affascinanti questi compositori solitari, one man band e piccole orchestre individuali che si muovono on the border, ai confini tra avanguardia e popular, tra progressive e colta contemporanea. Come Simon Steensland, Robin Taylor e Ant-Bee, Mike Judge si caratterizza per una scrittura gravida di riferimenti (dalla fusion alla world music passando per l'hard sound), compresi quelli extramusicali (es. il cinema di Pabst).

Judge è il musicista che si cela dietro il progetto The Nerve Institute, che trova finalmente un'adeguata collocazione nella scuderia Altrock, ormai attenta e appassionata sostenitrice di realtà di frontiera come questa. Ciò che stupisce di "Architect of flesh-density" (splendido titolo nonchè manifesto programmatico) è la densità delle influenze, la cui mole è solitamente comprensibile in contesti collettivi in cui lo scambio tra diverse personalità è la chiave di volta.

Prendiamo pezzi lunghi e articolati come "Horror vacui", "Prussian blue persuasion" o "Bande magnetique": operazioni intriganti per l'arrangiamento non autoreferenziale ma soprattutto per il lavoro sulle chitarre. Degno emulo di Frith, Fripp e Gottsching, Judge assembla una ricca sequenza chitarristica calandola in un contesto aperto sia agli sviluppi liberi del rock-jazz sia al piglio wagneriano caro ai Magma, come emerge ad es. da "La jalouise", zappiana nello sviluppo e nel graffiante solismo.

Un ottimo album, caratterizzato dalla ricchezza del linguaggio e dalla inattesa fruibilità, ferma restando la prospettiva di ricerca.


(Recensione apparsa su: http://www.movimentiprog.net/modules.php?op=modload&name=Recensioni&file=view&id=3515)

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...