mercoledì 22 febbraio 2012

Chi va con lo Zoppo... ascolta 'Live in Singakong', il nuovo disco dei Merme

Questione di ironia. Basta un titolo come "Vieni via di lì, c'ho sementato ora" per renderteli simpatici questi Merme. Formazione grossetana attiva dal 2006, come i concittadini Gran Turismo Veloce debuttano su Lizard ma il contesto è completamente diverso: se i GTV propongono un art-rock moderno e volitivo, i Merme giocano nell'area del jazz-rock dinamitardo, sfruttando al massimo le potenzialità del modulo power-trio.

Dopo l'esordio con l'Ep "O", il trio ribadisce il suo orientamento strumentale nel debutto su Lp di "Live in Singakong", registrato dal vivo a conferma dell'affiatamento dei tre, di un interplay che non rinuncia a ficcare bene in testa riff e dilatazioni. Spiccano il groove fisso e fragoroso che fa da fil rouge e le esplorazioni sonore che attraversano funk-core ("T'odio" e "Distributore di ladro"), post-rock alla Blind Idiot God ("Morto t'ammazzo"), King Crimson e Primus ("Prcmdn").

I Merme operano in un settore in cui molti gruppi italiani si stanno esprimendo con bravura: pensiamo a Slivovitz, Eterea Post Bong, Tribraco, per certi versi Ex KGB e Chaos Conspiracy. Piacevoli e stimolanti, anomali nel contesto Lizard (benchè l'etichetta di Loris Furlan sia sempre tra le migliori fucine di suoni "alternativi"), i Merme devono focalizzare meglio le idee e il loro sviluppo. 


(Recensione apparsa su: http://www.movimentiprog.net/modules.php?op=modload&name=Recensioni&file=view&id=3512)

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...