mercoledì 2 maggio 2012

Chi va con lo Zoppo... non perde 'Vico di tutti i santi' di Lino Volpe

  VENERDI 4 e SABATO 5 MAGGIO 2012
Il Centro di Arte, Musica e Cultura Popolare
DOMUS ARS di Napoli
ospita
LINO VOLPE
in
Vico Tutti Santi
Storie e segreti di TONINO NASIBÙ

Lo spettacolo scritto e interpretato da Lino Volpe vede protagonisti i musicisti
Sasà Piedepalumbo alla fisarmonica, Enzo Pinelli alle percussioni,
Sasà Brancaccio al basso acustico e Francesco Ponzo alle chitarre
 
 
Vico tutti Santi sta dietro a tanti vicoli, dopo piazze invisibili e ponti lontanissimi. A Vico Tutti Santi ci sono uomini liberi, miracoli pagani, Madonne, ladri e spiriti. A Vico Tutti Santi non si sta mai da soli, e quando è capitato è stato per errore. Diavoli e Santi cantano storie di gioventù, di personaggi mitici che non ci sono più”: il nuovo lavoro di Lino Volpe è uno spettacolo di musica e parole che, partendo da Napoli, affronta e reinterpreta – in chiave musicale/teatrale – vizi e virtù del nostro tempo.
Le canzoni diventano ‘luoghi’ della memoria, elementi vivi nel racconto: VENERDI 4 MAGGIO 2012 e SABATO 5 MAGGIO 2012 [ore 21.00], la DOMUS ARS - Centro di Arte, Musica e Cultura Popolare che sorge negli spazi della Chiesa di San Francesco delle Monache [in via Santa Chiara, 10 – nei pressi di Piazza del Gesù] ospiterà VICO TUTTI SANTI – Storie e Segreti di Tonino Nasibù, lo spettacolo di e con Lino Volpe, un testo pieno di spunti brillanti ma anche percorso di ricerca nella più autentica e spesso dimenticata tradizione musicale napoletana.
 
In quasi due ore di spettacolo, Lino Volpe compie un piccolo grande viaggio che accompagna gli spettatori in un’ideale visita guidata di Napoli dalla seconda guerra Mondiale sino ad oggi. È un viaggio che Volpe compie in prima persona, e attraverso gli aneddoti di Tonino Nasibù, scugnizzo capace di sopravvivere a tutto: “Tonino era sempre affamato, anche dopo aver mangiato aveva fame, la chiamava ‘fame atavica’. Contro la fame atavica, diceva, non si può fare niente. La fame atavica non si sazia mai, perché anche se lo stomaco sta a posto, la mente ti ricorda che non sai se domani mangerai, e allora ti viene fame un’altra volta… Sto parlando di molti anni fa, del periodo della guerra, la Seconda Guerra Mondiale ”.
Al racconto teatrale si sovrappone e fa da sfondo un repertorio musicale fortemente evocativo che si sviluppa tra classici della canzone d’arte napoletana riarrangiati per l’occasione e brani originali appositamente scritti per lo spettacolo: la canzone napoletana, in questo spettacolo diventa parte attiva, una colonna sonora che interagisce con il testo e con i racconti direttamente. Lo spettacolo vede protagonisti i musicisti Sasà Piedepalumbo alla fisarmonica, Enzo Pinelli alle percussioni, Sasà Brancaccio al basso acustico e Francesco Ponzo alle chitarre
 
Lino Volpe, apprezzato come autore di testi e musica, ha collaborato con musicisti di primo piano della scena italiana e internazionale, dividendo diviso il palco, tra gli altri, con: Richard Galliano, Solis String Quartet, Daniele Sepe, Marco Zurzolo, Bruno Lauzi
I suoi spettacoli sono andati in scena in prestigiosi teatri e rassegne in tutta Italia: tra i canali televisivi e radiofonici nazionali che hanno trasmesso i suoi spettacoli o parte di essi vanno annoverati Repubblica Tv, Odeon TV e Radio Rai [che ha trasmesso un suo spettacolo di teatro e canzoni adattato per la radio].
 

Tra i brani in scaletta vanno menzionati:
“Scetate” di Russo/Costa
”A Gelusia” di Letico/Ciaravolo
“Tammurriata Americana” di Bovio/Tagliaferri
“Funtana all’ombra” di E.A.Mario
“Mierolo affurtunato” di Di Giacomo/E.A.Mario
“La rumba degli scugnizzi” di R.Viviani
“Bellavista” di Fiore/Donnarumma

A questi si aggiungono alcuni brani che Lino Volpe ha scritto per lo spettacolo:
“C’amma fa” || “Tarantella nascosta” || “Lacrema trattenuta”



 
 
DOMUS ARS
Via Santa Chiara, 10 C / Vico Pallonetto a S. Chiara, 10
(adiacenze Piazza del Gesù) || Napoli

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...