sabato 4 agosto 2012

Chi va con lo Zoppo... non perde la Piccola orchestra apocrifa di Giorgio Cordini

PICCOLA ORCHESTRA APOCRIFA
di GIORGIO CORDINI
presenta la BUONA NOVELLA di Fabrizio De André
 
Lunedì 6 Agosto 2012
ore 21,O0 - ingresso libero sino ad esaurimento posti 
VALBONDIONE (Bg)
Chiesa Parrocchiale 
 
Le sonorità celtiche intrise di elementi etnici vari del gruppo polacco dei BELTAINE hanno entusiasmato il caloroso pubblico di Bratto, dando un tocco di originalità e freschezza al cartellone della rassegna.
Ora è la volta di un grande appuntamento con la canzone d'autore del genovese Fabrizio De André; e di Faber la PICCOLA ORCHESTRA APOCRIFA del chitarrista GIORGIO CORDINI presenterà quella che può essere considerata la sua opera piu' complessa: LA BUONA NOVELLA. Ad omnor del vero non è la prima volta che questa produzione viene data a Valbondione, ma la risposta del pubblico è stata tale che ha infdotto gli organizzatori locali a riproporla, in sintonia con un progetto parrocchiale teso a commentare con i ragazzi del luogo, i testi, assai attuali.
 
LA BUONA NOVELLA è un concept album tratto dalla lettura di alcuni Vnageli apocrifi in particolare, come riportato nelle note di copertina, dal Protovangelo di Giacomo e dal Vangelo arabo dell'infanzia), pubblicato nell'autunno del 1970. Seguendo le caratteristiche degli Apocrifi, in questo album la narrazione della buona novella sottolinea l'aspetto piu' umano e meno spirituale assunto da alcune tradizionali figure bibliche(ad esempio, Giuseppe) e presta maggiore attenzione a figure minori della Bibbia, che qui invece diventano proptagonisti(ad esempio, Tito e Dimaco, i ladroni croceficci insieme a Gesù).
E' stato ritenuto da De André "uno dei suoi lavori piu' riusciti, se non il migliore".
« Nel 1969 scrivevo La buona novella. Eravamo in piena rivolta studentesca; i miei amici, i miei compagni, i miei coetanei hanno pensato che quello fosse un disco anacronistico. Mi dicevano: "cosa stai a raccontare della predicazione di Cristo, che noi stiamo sbattendoci perché non ci buttino il libretto nelle gambe con scritto sopra sedici; noi facciamo a botte per cercare di difenderci dall'autoritarismo del potere, dagli abusi, dai soprusi." .... Non avevano capito - almeno la parte meno attenta di loro, la maggioranza - che La Buona Novella è un'allegoria. Paragonavo le istanze migliori e più ragionevoli del movimento sessantottino, cui io stesso ho partecipato, con quelle, molto più vaste spiritualmente, di un uomo di 1968 anni prima, che proprio per contrastare gli abusi del potere, i soprusi dell'autorità si era fatto inchiodare su una croce, in nome di una fratellanza e di un egualitarismo universali. » (intervista a fabrizio De André)
Ed ancora, quando gli fu chiesto per quale assurdo motivo, negli anni della contestazione giovanile, un cantautore rivoluzionario come lui avesse scritto un concept album dedicato a Gesù Cristo, lui rispose: "Percè Gesù Cristo è il piu' grande rivolzuionario della storia!". 
Pertanto la scelta di puntare sui Vangeli apocrifi come traccia da seguire per elaborare la trama del disco. Un modo questo per scoprire la vocazione umana, terrena, a volte quasi sofferente, dolorante e quindi provocatoria e rivoluzionaria della figura storica di Gesù di Nazareth.

 
LA BUONA NOVELLA è ancor oggi opera discussa che offre ottimi spunti di riflessione sui Vangeli e la figura di Gesù Cristo. In questo trova motivazione principale la scelta di programmarne la rappresentazione in un giorno tanto importante per il mondo cristiano come la S.Pasqua.
 
LA BUONA NOVELLA nel concerto della “Piccola Orchestra Apocrifa di Giorgio Cordini” è una rivisitazione per quartetto d’archi, chitarra, bouzouki, percussioni, voce e cori del famoso concept album di Fabrizio De André.
A scrivere gli arrangiamenti e a curare la produzione artistica dello spettacolo è Giorgio Cordini, chitarrista che per otto anni, tra la fine del 1990 e il 1998, ha suonato con il cantautore scomparso. Dopo una serie di lavori discografici, comunque improntati al tema della canzone d’autore (“CHITARRE D’AUTORE” 2000 e “DISARMATI” 2002), il ricordo di Fabrizio lo ha spinto a dedicarsi a questo importante progetto, che vede la luce dopo un anno di grande impegno e dedizione.
Il concerto prevede nella prima parte l'esecuzione senza interruzioni di tutti i brani de “ La Buona Novella ” nella stessa sequenza dell’album di Fabrizio. Gli arrangiamenti, pur introducendo alcune variazioni e brevi intermezzi di collegamento delle canzoni tra loro, sono stati realizzati con il massimo rispetto per la stesura originale. E’ stata effettuata una ricerca di sonorità più moderne mediante l’accostamento di strumenti etnici come il bouzouki e l’hang alla formazione classica del quartetto d’archi, mentre la voce solista evoca per espressività e profondità quella di Fabrizio De André.
Nella seconda parte del concerto vengono eseguite alcune tra le canzoni più conosciute (Il Pescatore, Volta la carta, La guerra di Piero...) ed alcune “perle” raramente eseguite in pubblico e particolarmente adatte all'organico della Piccola Orchestra Apocrifa (Preghiera in Gennaio, Recitativo). Apre questa seconda parte “Si faceva chiamare Gesù”, una canzone che, nonostante sia stata composta in precedenza, ben si collega come tema e ambientazione musicale alla Buona Novella.
Quasi due ore di musica, che offrono uno spaccato della produzione di Fabrizio De André di grande impatto emozionale, sia per l'argomento della Buona Novella, sia per le sonorità intimistiche e suggestive, che avvolgono lo spettatore accompagnandolo nella riscoperta della liricità e profondità dei testi.
La Piccola Orchestra Apocrifa (apocrifi sono i Vangeli a cui si ispira La BUONA NOVELLA ) è formata da Giorgio Cordini alla chitarra e al bouzouki, Michele Gazich alla viola e Daniela Fusha al violino, che hanno collaborato agli arrangiamenti; Daniela Savoldi al violoncello, Enzo Santoro al flauto, Gaspare Bonafede alle percussioni, Alessandro Adami alla voce e Denise Pisoni e Maria Cordini ai cori. L’organico può subire variazioni a seconda delle disponibilità dei suoi componenti, Cordini e Adami a parte, che ne rappresentano l’anima.

Il concerto è organizzato da COMUNE di VALBONDIONE in collaborazione con la PARROCCHIA e l'UFFICIO TURISTICO di Valbondione con il patrocinio della PROVINCIA di BERGAMO
 
Prossimi concerti in rassegna:
08/08 REVEREND & THE LADY a Moio de' Calvi/Piazza IV Novembre  
08/08 LE VENT DU NORD a Gromo/Piazza Dante
09/08 LE VENT DU NORD a Spinone al Lago/Largo Marinai d'Italia
 
L'intero programma sul web www.geomusic.it

 

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...